Truovo poi parimente, che Francesco Cibò, figliuolo d'Innocentio Ottavo, usava per sua Impresa, pur'in forma d'Emblema, una botte in piede, che da più parti manda fuori fiamme di fuoco accese. Ruscelli 1584     Page 0034      Emblem/impresa: 7     
parole Tedesche, che in Italiano direbbono, Di Bene In Meglio. Questo Francesco fu Conte dell'Anguillara, & Governator della Chiesa nel Ponteficato di detto Innocentio, & la principal intention sua con tal'Impresa, ò Emblema, si può comprender che fosse il voler dar segno di fe sta, & d'allegrezza, & augurar à se, & à suoi posteri vera, & Cristianissima feli cità. Overo mostrarsi tutto chiaro, & acceso del medesimo animo, & pensie ro, ch'ebbero i suoi passati nell'esser leale, splendido, & magnanimo. Anzi col Motto l'Autor dice, & promette di voler'andar sempre di bene in meglio, nel seguire, & avanzare i suoi antecessori in questi effetti di lealtà, & di splendi dezza, sì come mostrò sempre chiaramente in ogno operation sua, essendo sta to huomo di buonissima mente, liberale, & amator d'ogni virtù, & massima mente de' suoi, & in particolare della casa de' Medici, suoi parenti, avendo egli per moglie Maddalena, figliuola del gran Lorenzo de' Medici , & sorella Ruscelli 1584     Page 0034      Emblem/impresa: 7     
Quel già detto Innocentio poi, ilqual fu figliuolo de' sopra nominati Francesco, & Madalena, fu fatto Cardinal da Leon Decimo, il quale in quel la promotione disse, parlando del cappello, Innocentio Cibò me lo diede, & ad Innocentio Cibò lo restituisco. Et questo fu chiamato il Cardinal Cibò, & usò questa Impresa dell'Incudine col Motto, Ruscelli 1584     Page 0035      Emblem/impresa: 8