DIALOGODELL'IMPRESE MILITARI ET AMOROSEDi Monsignor Giovio Vescovo di Nocera;Et del S. Gabriel Symeoni Fiorentino.Con un ragionamento di M. Lodovico Domenichi, nel medesimo soggetto.Con la Tavola.Printer's deviceIN VIRTUTE. ET FORTUNAIN LYONEAppresso Guglielmo Rouillio1574Giovio 1574     Page 0001          
AL MOLTO VIRTUOSO ET HONORATOM. Lodovico Domenichi, Guglielmo RouiglioSalute.QUantunque io non dubiti punto M. Lodovico honoratissimo,che'l veder fuori àquest'hora il Dialogodell'imprese di Monsignor Giovio vi porga una subitana maraviglia, tutta voltatengo per certo, che intesa la cagione, cesserete di maravigliarvi. Percioche trovandom'io,quando la cortesia vostra mi fece appresentareil libro per M. Francesco e Simon Mazzei, sulprincipio dell'intaglio della Castrametationee Religion de' Romani, ove teneva tutt'i mieiintagliatori e pittori occupati, per non poterviGiovio 1574     Page 0003          
DELLE IMPRESE ILLUSTRI CON ESPOSITIONI ET DISCORSI DEL S. IERONIMO RUSCELLI Di novo ristampate, ricorrette, & con la Giunta, LIBRO PRIMO. NEL MIO DISCORSO, GIA PIU VOL te stampato col ragionamento di Monsignor Gio vio, trattai à pieno, quanto mi parve che convenisse, intorno al nome, all'origine, all'intentione,& alle regole di questa bellissima profession dell'imprese ; la qual si vede esser'oggi in tanta stima fra le persone di nobil'animo, & d'alto affare. Ove trattai parimente del tempo,& dell'occasione di far l'Imprese, del con tinuare, ò lasciar d'usarle , & de'luogi, ove si convengono portare,ò tenere. Et ragionai distesamente de i Motti soli dell'Arme, ò Insegne de'Cimeri,delle Livree,delle Cifre figurate,de'Ieroglifici, & de gli Emblemi; cose tutte,le quali, per non ben sapersi da ciascheduno , sogliono da molti prendersi confusamente, & usarsi l'una per l'altra, ò far di più d'esse una sola, fuor d'ogni convenevol maniera di vera Impresa, Et, vedendo, che in questi po chi anni, da che il detto mio Discorso fu dato in luce, il mondo l'ha ricevuto sì caramente, che tante chiarissime Academie, tanti eccellentissimi Principi , & tanti nobilissimi ingegni , si sono ingenuamente fatti intendere, di mutar le loro Imprese , ò formarsene delle nuove,secondo gli avertimenti, & le regole po ste nel detto mio libro; io per mia inclinatione, & per prieghi di molti amici, & signori miei, mi son posto di voler dar fuori il presente' volume,nel quale ho fatta scelta della maggior parte dell'Imprese buone, così antiche cioè di perso ne morte, & di quelle poste dal Giovio nel suo raccolto, come nuove di Prin cipi, & d'altre persone illustri & virtuose, oggi vive,che tuttavia ne son venu te & ne vengono fabricando felicemente. Et essendosi di tutte queste miglio re fatti fare i disegni in istampe di rame, bellissimi, son venuto facendo le sue espositioni à ciascuna,discorrendo intorno al pensiero dell'Autore,ò alla signi ficatione di esse Imprese. Et, perche non vi resti che desiderarsi da i begli ingeRuscelli 1584     Page 0001